Giusto o sbagliato piantare palme in Piazza Duomo a Milano? Noi stiamo dalla parte degli alberi in città

In queste settimane si sta parlando molto delle palme piantate in Piazza Duomo a Milano, su progetto dell’architetto milanese Marco Bay. Senza pretesa di voler semplificare o ridurre la discussione, con questo articolo vorremmo offrire la nostra posizione di tecnici che si occupano di alberi in città, proponendo la lettura già peraltro illustrata domenica scorsa a Radio 24 nella trasmissione SI PUO’ FARE da Andrea Pellegatta, socio di Rete Clima, Arboricoltore e docente presso la Scuola Agraria del Parco di Monza.

dettaglio

Al via la consultazione pubblica verso il Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Il MATTM ha comunicato l’avvio della consultazione pubblica finalizzata all’elaborazione del Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: si tratta del documento rivolto alla gestione degli impatti climatici verso il territorio nazionale, al fine di ridurne la vulnerabilità complessiva.

Fino al 28 febbraio i portatori di interesse verso la tematica potranno partecipare alla consultazione volta a definire il percorso verso il costruendo Piano e a individuare le possibili azioni di adattamento nazionali.

dettaglio

Rete Clima aderisce alla Campagna #DivestItaly

Con oggi Rete Clima® avvia la sua partecipazione alla Campagna #DivestItaly, attuazione italiana del movimento internazionale avviato nel 2012 e supportato dall’ONG 350.org tramite il Progetto FossilFree: scopo della Campagna è dare evidenza della responsabilità dell’industria di estrazione e commercio di combustibili fossili nei confronti del cambiamento climatico, probabilmente il più grande rischio ambientale dell’era moderna.

dettaglio

(anche) L’Europa è vulnerabile ai cambiamenti climatici: nel 2016 in crescita gli eventi meteo estremi

Munich Re, colosso assicurativo tedesco, nell’ambito della rendicontazione dei danni collegati agli eventi ambientali a livello globale offre di fatto un monitoraggio in merito all’andamento degli eventi meteorologici estremi, fornendo una indicazione indiretta (ma estremamente precisa) degli effetti concreti del riscaldamento climatico globale.

dettaglio

La strana distribuzione della neve in Italia nell’inverno 2016-2017

I media stanno segnalando ormai da molti giorni i grandi disagi nel Centro-Sud del Paese, a causa dell’effetto sinergico delle scosse sismiche e delle abbondantissime nevicate.
Anche le emblematiche immagini della devastante valanga sull’albergo di Rigopiano in Abruzzo tornano a sollecitare qualche riflessione su queste abbondanti precipitazioni nevose, che coprono la porzione centro-meridionale del Paese e invece sono quasi totalmente assenti in molte aree del centro-nord.

dettaglio

Riscaldamento climatico nel 2016: nuovo record di temperature

Secondo i dati del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), il 2016 aggiorna per il terzo anno di fila il record di anno più caldo mai registrato, segnando un trend che non ha eguali nella serie storica delle temperature.

Secondo questi dati, nel 2016 la temperatura media globale è stata di 0,99°C più alta rispetto alla media di tutto il 20° secolo, un valore che cresce fino a +1,1 °C prendendo come riferimento l’inizio delle misurazioni di fine ’800: peraltro si deve notare che i cinque anni più caldi si sono verificati dal 2010 in poi, a conferma di un trend di riscaldamento che si sta confermando più che preoccupante.

dettaglio

Chiusa la COP 22 di Marrakech: pochi i risultati, ma l’Accordo di Parigi è valutato “irreversibile”

Si è chiusa Sabato la COP 22 di Marrakech.

Era stata da più parti definita come la “COP delle attese”: dopo l’entrata in vigore del “Paris Climate Agreement” a inizio novembre ci si augurava infatti che questa Conferenza delle Parti iniziasse a declinare concretamente l’Accordo, peraltro entrato in vigore in tempi record (dopo un solo anno rispetto alla chiusura della COP 21 di Parigi 2015, un tempo ridotto rispetto agli 8 anni necessari al Protocollo di Kyoto).

dettaglio

Papa Francesco: urge risposta collettiva e responsabile verso il cambiamento climatico

Lo stile di vita basato sulla cultura dello scarto (….) non è sostenibile“.
Non si tratta del messaggio di una realtà ambientalista quanto invece di una esortazione di Papa Francesco, parte del più ampio messaggio inviato ai partecipanti alla COP22, la Conferenza sui cambiamenti climatici dell’UNFCCC in corso a Marrackech: no alla cultura dello scarto, responsabilità per la casa comune.

dettaglio

Al via oggi la COP 22 di Marrakech

Si apre oggi in Marocco la COP 22 di Marrakech, 22° Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), in svolgimento nel periodo dal 7 al 18 novembre.

Le aspettative su questa conferenza sono grandi, dal momento che questo è il primo evento internazionale in campo climatico dopo lo storico Accordo formalizzato nel dicembre 2015 alla COP 21 di Parigi ed entrato in vigore lo scorso 4 novembre.

dettaglio

Accordo di Parigi per il contrasto al cambiamento climatico: oggi entra in vigore

Entra oggi in vigore lo storico Paris Climate Change Agreement, adottato al termine dei negoziati della altrettanto storica COP 21 del dicembre 2015 a Parigi, che succede al Protocollo di Kyoto, primo accordo per la tutela climatica sottoscritto nel 1997.

L’accordo, aperto alla firma per un anno a partire dal 22 aprile 2016, entra in vigore oggi a 30 giorni esatti dal raggiungimento delle clausole richieste per la sua entrata in vigore (quali la sua ratifica da parte di almeno 55 Paesi che rappresentassero almeno il 55% delle emissioni globali).

dettaglio
Pagina 1 di 8812345...102030...Ultima »
↑ top
background image
lastoriadellecose.com
tool tool