Carbon neutral e Climate neutral: cosa significano?

La Climate Neutrality è uno statement “di breve termine”. Indica che l’azienda opera una riduzione ed un offsetting di tutte le emissioni di gas a effetto serra (GHG) generate durante l’anno.

Per offsetting si intende:

  • l’utilizzo di tecniche di rimozione dei gas serra dall’atmosfera, quali ad esempio la forestazione, il ripristino degli ecosistemi (chiamate Nature-based Solutions), o impianti di rimozione meccanica (detti di “Direct Air Capture”), etc.
  • l’acquisto di crediti che attestino l’avvenuta riduzione delle emissioni al di fuori della propria catena del valore, finanziando così, ad esempio, la sostituzione di una centrale fossile con un impianto rinnovabile in un Paese in via di sviluppo.

Quando il totale delle emissioni GHG generate nell’anno di esercizio aziendale è pari al totale ridotto dentro le proprie attività core e al totale riassorbito o ridotto al di fuori della propria value chain, l’azienda può dichiararsi Climate Neutral.

Rispetto al termine Carbon Neutral, specifico per l'azzeramento delle "sole" emissioni di CO2, Climate Neutral fa invece normalmente riferimento a tutti i gas serra (compresi i gas fluorati, il metano, il protossido di azoto, etc.).


La strada per la Climate Neutrality, per diventare Carbon neutral Organization, richiede dunque:

Contattaci per sapere di più!


Leggi anche:

Carbon Neutrality, Net Zero e Climate Positive: la decarbonizzazione aziendale raccontata attraverso i suoi termini

Carbon neutrality (e net-zero emissions)

PAS 2060: certificare la Carbon Neutrality